Da molti anni si osserva una crescita esponenziale dell’interesse nei confronti di una cucina che non preveda l’uso di prodotti di origine animale. Questa “rivoluzione culturale” trae origine dall’evoluzione che la società ha subito recentemente. Si è diffusa una cultura salutista, una ricerca dei prodotti NO-OGM, una cultura ambientalista e animalista che era assolutamente assente nelle epoche precedenti. L’informazione televisiva e la maggiore diffusione della cultura tra strati sempre più ampi delle popolazione ha mutato il rapporto con gli animali e con il cibo che quotidianamente arriva sulle nostre tavole.

PREFERIRE GLI ALIMENTI VEGETALI

Tutti sanno che una alimentazione ricca di prodotti di origine animale prolungata nel tempo è dannosa per la salute perchè provoca aumento di peso,  del colesterolo, dei trigliceridi e della pressione sanguigna. La conseguenza sarebbe un peggioramento dello stato di salute ed un accorciamento dell’aspettativa di vita. Per quanto riguarda l’ambiente è noto che l’allevamento è una pericolosa fonte di inquinamento da azoto sui terreni (l’alimentazione iperproteica degli allevamenti provoca la produzione di feci ricche di azoto e quindi molto inquinanti ; è da considerare anche la distruzione di boschi e foreste per far posto a colture di mais e soia destinate alla zootecnia.

Sempre maggiore sta diventando in questi anni il rifiuto o la riduzione del consumo di prodotti di origine animale dovuto alla coscienza delle sofferenze provocate agli animali dall’industria zootecnica. Tutto ciò ha prodotto un grande interesse nei confronti delle alternative vegane e salutari agli alimenti di origine animale.

NUOVE TENDENZE VEGETARIANE

L’arte culinaria si è evoluta producendo ricette che non prevedono l’utilizzo di prodotti animali che sono ottime per la salute e, al tempo stesso, molto saporite e, in molti casi anche parecchio raffinate. La nuova borghesia, soprattutto se di giovane età è alla ricerca di sapori delicati, raffinati e di ricette rispettose dell’ambiente e del benessere degli animali. La vellutata è un piatto raffinato che trae origine dalla cucina francese e ha subito numerose evoluzioni nel corso dei secoli. Una delle versioni più apprezzate dai buongustai per la sua salubrità, l’assenza di prodotti di origine animale, la raffinatezza e l’ottimo sapore è la vellutata di soia insaporita dalla delicatezza e cremosità del tofu e dall’aroma della cannella.       

                                                                                                                RICETTA     http://www.soia.it

VELLUTATA DI TOFU E CAROTE http://www.tofu.it

 VELLUTATA DI CAROTE, TOFU E CANNELLA  :  INGREDIENTI : – 500gr. DI CAROTE  ;  – 2 SCALOGNI  ;  – 1 PATATA GRANDE  ;  – 4 FOGLIE DI ALLORO  ;  – TIMO  ;  – 1 CUCCHIAINO DI BRODO VEGETALE GRANULARE  ;    – 1 CUCCHIAINO DI CANNELLA  ;  – SALE E PEPE                                                                                                                                                                                                        – TAGLIATE LE VERDURE A TOCCHETTI E SOFFRIGGETELE CON OLIO POI INSAPORITELE CON CANNELLA, SALE E PEPE  ;  – COPRITE CON ACQUA BOLLENTE E AGGIUNGETE DADO, ALLORO E FAR CUOCERE PER CIRCA 20 MINUTI FINCHE’ LE VERDURE SARANNO MORBIDE  ;                       – RIMUOVERE LE FOGLIE DI ALLORO E FRULLARE CON UN FRULLATORE AD IMMERSIONE (in base alla densità che preferite potete mettere la vellutata sul fornello per qualche minuto per farla “asciugare” un po’ oppure potreste aggiungere poca acqua per renderla più fluida)                                                                                                                                                                                                    Potete servirla a tavola calda o tiepida con dei crostoni di pane abbrustolito a disposizione dei commensali. Se è gradito si può strofinare il pane con un po’ di aglio.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                dott. Massimiliano Mangafà                      

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: