UNA DIETA DIMAGRANTE PER VEGETARIANI E VEGANI : LA DIETA SCARSDALE http://www.scarsdale.com

La dieta Scarsdale è nata negli U.S.A. qualche decina di anni fa. Quindi fu presentata come la soluzione ideale per ottenere un rapido dimagrimento. Perdere 500gr. al giorno. Tanto da essere definita come una “dieta miracolosa”. Il suo inventore fu Herman Tornower e prometteva che con essa fosse possibile perdere quasi 500 gr. al giorno. Così egli sosteneva che era possibile dimagrire rapidamente con una drastica riduzione dell’apporto dei carboidrati. Indipendente dall’apporto calorico che poteva non subire riduzioni proporzionali cioè “ridurre non eccessivamente le calorie ma ridurre molto i carboidrati”.

DIETE LOW CARB

Essa sostiene che vanno ridotti anche i grassi (la riduzione comunque non deve essere drastica come quella dei carboidrati). In linea di principio essa fa parte delle diete “low carb”. Quindi basata su un effetto chetogenico per perdere 500gr. al giorno. Cioè sulla produzione di corpi chetonici che hanno un leggero effetto tossico se prodotti per periodi brevi ma anche effetti anoresizzanti. Nonostante ciò che sostengono i difensori di questa dieta con essa si andrebbe incontro all’effetto yo-yo cioè un rapido recupero del peso perduto. E’ considerata una delle diete dell’ultimo minuto da non seguire per più di 1 o 2 settimane.

Ovviamente affinchè abbia effetto e possa generare benefici duraturi è necessario seguire schemi precisi. In particolare, altra cosa importantissima, è quella di non cedere alla tentazione di saltare i pasti. Quindi la sequenza colazione, pranzo e cena deve essere assolutamente rispettata evitando gli “spuntini” di metà mattinata e metà pomeriggio.

DIETA SANA

Sembra superfluo aggiungere che se si vuole dimagrire per ragioni estetiche e legate alla salute bisogna farlo scegliendo alimenti salutari. Quindi in questa dieta vanno assolutamente aboliti i cibi spazzatura. In particolare essi sono sempre ricchissimi di tossine, radicali liberi, grassi insaturi e spesso zuccheri semplici (quindi ad alto indice glicemico). Altra cosa importante è che i carboidrati non devono rappresentare, durante il periodo di applicazione della dieta, una porzione maggioritaria. Infatti è utile ridurre sia i carboidrati semplici come gli zuccheri che quelli complessi come pane e pasta.  Ovviamente bisogna ridurre i grassi scegliendo alimenti magri in modo da ridurre le calorie per perdere 500gr. al giorno.

DIETE CHETOGENICHE http://www.lowcarb.com

Come ogni dieta è consigliato di aumentare il consumo di acqua. La ragione dell’incremento del consumo idrico risiede nel fatto che l’acqua è benefica per l’organismo. ma soprattutto nel fatto che questo regime alimentare appartiene alla categoria delle “diete chetogeniche”. Quindi incrementare l’introduzione di acqua darà un grosso aiuto ai reni. In più l‘aumentato lavoro renale è dovuto alla necessità di depurare l’organismo. Quindi eliminando per mezzo delle urine i corpi chetonici che necessariamente si formano nel corso di questa dieta. In particolare ricordo ai miei lettori che la produzione dei corpi chetonici sono un effetto “collaterale” del catabolismo dei tessuti corporei. Quindi, come conseguenza del regime ipoglucidico ed ipocalorico tipico di questa dieta. Infatti permetterà di perdere 500gr. al giorno.

Dovrebbe essere superfluo aggiungere (comunque lo scrivo lo stesso, non si sa mai) che durante questo regime dietetico finalizzato al miglioramento dello stato di salute. Oltre alla depurazione o al dimagrimento è assolutamente sconsigliato il fumo e l’eccesso di alcool. Sono invece consigliate le bevande salutari come le tisane depuranti e sgonfianti (bevute senza zucchero o con al massimo mezzo cucchiaino di miele).

dott. Massimiliano Mangafà

******************************************************

SOIA E DIETA VIGOR

La quasi totalità delle diete è basata sulla riduzione dell’introduzione di cibo finalizzata alla perdita di peso. Ci sono alcune diete particolarmente evolute che si basano su un’altro principio cioè quello della modifica del metabolismo. Una di queste è la dieta Vigor. Essa si prefigge lo scopo di far dimagrire il soggetto con l’obiettivo di perdere 500gr. al giorno. Non solo facendolo mangiare di meno ma, soprattutto, facendogli bruciare più energia agendo sul metabolismo. L’ideatore di questa dieta ha condotto un attento periodo di studio. In particolare osservando che ridurre l’introito calorico per molto tempo non porta ad una perdita di peso costante. Quindi porta all’adattamento dell’organismo alla nuova condizione con una maggiore capacità del corpo di assimilare nutrienti trasformandoli in tessuti di riserva cioè grassi.

DOTTOR DURANTI

Gli studi del dottor Duranti hanno dimostrato che un dimagrimento efficace si ottiene agendo sugli “interruttori del metabolismo”. Quindi in modo da indurre la trasformazione di zuccheri in energia e non in grassi per diminuire il peso corporeo fino a 500gr. al giorno. Questo effetto si ottiene con una alternanza ben studiata di alimenti con un’azione mirata anche a raggiunger un miglior equilibrio ormonale. Ovviamente l’efficacia di questa dieta dipende anche da uno stile di vita corretto unito ad una moderata attività fisica. Il nome di questa dieta è VIGOR che deririva dall’acronimo ( Variazione dell’ Indice Glicemico degli Ormoni Ribilanciati). Cioè vuol dire che si basa sul principio che riducendo i picchi di insulina è possibile tenere bassa la glicemia.

GLICEMIA E INSULINA

In particolare la glicemia frequentemente alta può indurre l’insulino resistenza. Cioè l’organismo avrà difficoltà a regolare la propria glicemia e ciò potrà portare al diabete e ad un accumulo di peso. Innanzi tutto sarà necessario ingerire carboidrati a basso indice glicemico per stimolare il metabolismo. In questo modo si eviterebbe l’accumulo di glicogeno nel fegato e zuccheri nel sangue che sono una delle cause dell’aumento di peso.

Uno dei cibi a basso indice glicemico che ben si adatterebbe a questa dieta è la soia. Inoltre essa è l’unico che non dovrebbe mancare nella dieta vigor dei vegetariani, vegani. Oltre di chi vuole attuare una drastica riduzione dell’assunzione di carne per motivi di salute o etici. Essa si divide in varie fasi da applicare con cinque giorni alla settimana (lun. – ven.) “low carb”. Quindi con una riduzione dei carboidrati a favore delle proteine (es. legumi come la soia e altri con verdure). Poi un giorno detossificante (sab.) con una ingestione prevalentemente di verdure. Dopodichè un giorno (dom.) che deve essere “high carb” con due buone porzioni di carboidrati (pasta o riso) per riequilibrare il metabolismo. Perdere 500gr. al giorno non sarebbe quindi un obiettivo irraggiungibile.

L’applicazione costatante di questa dieta produrrà in poche settimane effetti positivi sul metabolismo. Quindi con conseguente dimagrimento e controllo dei valori ematici con conseguente miglioramento dello stato di salute.

dott. Massimiliano Mangafà

*************************************************

GESTIONE SETTIMANALE DELLA DIETA VIGOR

La dieta VIGOR agisce sugli interruttori del metabolismo. In particolare modifica lo stato biochimico dell’organismo in modo da ridurre l’ingestione di carboidrati.. Quindi col fine di innescare quei meccanismi metabolici che riducono l’accumulo di quei glucidi che si trasformeranno o indurrano la produzione di tessuto adiposo. Inoltre chi ha provato una dieta sa che, spesso, la sola restrizione calorica non è sufficiente a perdere peso. Quindidi solito si deve agire al livello metabolico perchè bisogna impedire all’organismo di accumulare tessuto adiposo. Essa è molto efficace nell'”insegnare” all’organismo a ricavare energia bruciando grassi anzichè carboidrati.

Bisogna programmare un menù da applicare diligentemente ogni giorno in modo che una moderata restrizione calorica si accompagni ad un “condizionamento” biochimico del metabolismo. Quindi finalizzato a perdere anche 500gr. al giorno. Ovviamente perchè qualunque regime dietetico abbia successo è sempre bene che non induca un sacrificio in chi lo segue. Cioè che sia basato su alimenti gradevoli da mangiare.

RAZIONAMENTO GIORNALIERO

Quindi è consigliata una colazione leggera, completa e nutriente e lo stesso discorso deve valere anche per il pranzo e per la cena. Inizierei la giornata con una salutare colazione a base di latte di soia, miele e frutta secca. In particolarequest’ultima apporterà un buon apporto di vitamina E e antiossidanti oltre a preziose proteine). Quindi un hamburger di soia (vedi ricetta nel blog) ed un frutto. Infine concluderei la giornata in perfetto stile “dieta Vigor”. Cioè con una cena a base di un’insalata di legumi e un piatto di insalata verde condita con olio extravergine di oliva. Oltre che con del tofu sbriciolato al suo interno. Questo regime dietetico dovrebbe essere adottato dal lunedì al venerdì. Sabato e domenica consiglio una varietà di alimenti simile con un aumento del 25% dell’apporto calorico.

PIANO SETTIMANALE

Ecco un valido schema di dieta Vigor (utile per perdere anche 500gr. al giorno): LUN – VEN : mattina — – 300gr. DI LATTE DI SOIA ; – 50gr. DI NOCI ; – 2 CUCCHIAINI DI MIELE ; spuintino —- 80gr. DI YOGURT DI SOIA ; -1 MELA ; pranzo —–  300gr. HAMBURGER DI SOIA BIO (vedi ricetta nel blog) , 40gr. PANE INTEGRALE, 150gr. FRAGOLE ; cena —— 100gr. DI FAGIOLI DI SOIA conditi con aglio, prezzemolo, olio extravergine do oliva , 100gr. DI TOFU A CUBETTI con un contorno di insalata verde condita con olio extravergine di oliva e salsa di soia. SAB – DOM : LA COMPOSIZIONE DELLA DIETA DOVREBBE ESSERE SIMILE A QUELLA DEGLI ALTRI GIORNI DELLA SETTIMANA. QUINDI CON L’UNICA VARIANTE CHE AUMENTEREI L’APPORTO CALORICA DEL 25% SIA PRANZO CHE A CENA CON UN AUMENTO DEL 20% DELLA QUANTITA’ DI FRUTTA.

Questo regime dietetico può essere adottato senza problemi da chiunque non abbia seri problemi di glicemia o di qualche disfunzione nutrizionale. Inoltre in individui non affetti da queste problematiche rappresenterebbe un regime alimentare molto salutare. In particolare permetterebbe di tenere sotto controllo glicemia e valori quali colesterolo e trigliceridi. S i potrebbero perdere anche 500gr. al giorno

dott. Massimiliano Mangafà

**********************************************

PERDERE PESO CON LA SOIA

La soia è un legume che ha ormai una larga diffusione. In particolare tra chi è appassionato di alimentazione salutistica e chi è contrario all’utilizzo degli animali per scopi alimentari. Che la soia BIO apporti benefici a chi la consuma era noto da molti secoli ai popoli orientali e, ormai, è noto anche in occidente. Forse è meno noto che questo prezioso legume può avere un grande ruolo all’interno di una dieta finalizzata alla perdita di peso. Infatti agisce sul metabolismo e sul processo di accumulo dei grassi dal punto di vista biochimico.

La soia ci può aiutare a perdere peso perchè contiene delle proteine che ostacolano l’accumulo dei grassi oltre ad avere attività antinfiammatoria. Contiene sostanze che riducono il deposito di grassi all’interno delle cellule (adipociti). Inoltre ostacolano alcuni processi infiammatori nocivi per l’organismo difendendoci da una serie di danni cellulari e tissutali.

Prima di tutto la soia non contiene nè caseina nè lattosio che possono creare stati infiammatori ed intolleranze in alcuni soggetti. Altro motivo importantissimo per includere la soia in una dieta dimagrante è quello che la soia ha un basso indice glicemico. Quindi stimola pochissimo la produzione di insulina evitando la formazione eccessiva di grasso nelle cellule. Inoltre, altra cosa importantissima,  stimola poco la produzione delle sostanze chimiche che inducono l’appetito. Contrasta efficacemente anche l’accumulo dei grassi che si depositano sulle pareti delle arterie e protegge l’apparato cardiovascolare grazie al suo contenuto di omega3. Ha anche un’azione di stimolo della produzione di fibre muscolari (massa magra) a discapito della massa grassa).

PERDITA DIPESO

La perdita di peso (perdere 500gr. al giorno) può essere ottenuta con un consumo regolare della soia. Oltre che con l’ingestione regolare della parte lipidica della soia che è la lecitina facilmente reperibile in molti negozi. La lecitina non sarà solo utilissima nelle diete ma fornirà un valido aiuto alla riduzione dei grassi nocivi nel sangue. Cioè il colesterolo LDL, mentre indurrà l’incremento del colesterolo “buono”. Quindi questi prodotti è bene che entrino a far parte dell’elenco dei cibi presenti abitualmente nelle nostre cucine e sulle nostre tavole. In altre parole in modo da “curarci mangiando” grazie a quelli che sono veri e propri spazzini delle nostre arterie. In più non appartano grassi animali dannosi che ci rovinerebbero la salute e ci accorcerebbero la vita. Inoltre, altra cosa da non sottovalutare e altrettanto importante, è che si tratta di fonti proteiche vegetali. Quindi non richiedono la sofferenza di altri esseri senzienti per essere prodotte.

dott. Massimiliano Mangafà

*************************************************

SOIA E NUTRACEUTICA

 La nutraceutica è una nuova disciplina delle scienze alimentari chestudia gli alimenti e la possibilità di usarli come se fossero medicine. E’ noto che la frutta, la verdura e gli agrumi in particolare sono dei preziosi alleati dell’organismo contro le patologie da raffreddamento. Infatti esse sono tipiche tipiche della stagione invernale oltre a svolgere una grande azione preventiva. In più è noto anche che le verdure sono ricche di fibre. Quindi sono indicate per chi voglia aiutare l’intestino a mantenere un buon grado di motilità.

http://www.scarsdalediet.com DIETA SCARSDALE

Un altro esempio è quello dei latticini. Infatti, grazie al loro contenuto di vitamina D, hanno un’azione efficace nel prevenire e curare l’osteoporosi. In breve questa vitamina favorisce la fissazione del calcio nelle ossa. Inoltre chi è un atleta che brucia molte energie produce una grande quantità di radicali liberi. In particolare hanno un’azione dannosa nei confronti dei tessuti e del DNA. Quindi i danni al DNA possono essere di varia natura. Cioè si può andare da un “accorciamento dei telomeri” che produce danni a lunga scadenza. Infatti i cromosomi, col passare degli anni, perdono materiale genetico perdendo la loro efficienza.

COLESTEROLO E GRASSI SATURI

Ma i danni possono essere molto più gravi come l’insorgenza di tumori. Gli alimenti possono essere causa o cura di patologie come l’ipercolesterolemia. Tutti sanno che mangiare alimenti ricchi di grassi animali (saturi) come carni, uova, salumi, formaggi provoca un’innalzamento del colesterolo LDL (quello cattivo). Oltretutto non tutti sanno che esistono alimenti che, se mangiati con frequenza possono abbassare l’indice di rischio cardiovascolare. Oltre a favorire la perdita di peso (perdere 500gr. al giorno) E’ il caso di alimenti contenenti colesterolo HDL (quello buono) e fra di essi non posso evitare di citare la soia. Un’altro obiettivo della nutraceutica può essere quello di favorire il corretto sviluppo fatale durante la gestazione.

GLIFOSATO

E’ il caso dell’acido folico o vitamina B9 anch’essa presente in significative quantità nella soia.. La soia è quasi un alimento magico che dovrebbe essere incluso in ogni corretto regime alimentare. Questa scelta darebbe il massimo dei suoi benefici se si scegliesse la variante no-OGM della soia. Infatti quella OGM ha subito modifiche del DNA che potrebbero essere dannose per la salute umana. Soprattutto, perchè la variante OGM ha la caratteristica di poter coesistere con dosi massicce di glifosato. In particolare esso è un erbicida molto dannoso per la salute ma molto efficace contro le piante infestanti. Quindi è gradito dalle multinazionali che praticano un’ agricoltura intensiva a livello industriale.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         *****************************************                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         SOIA E ALIMENTAZIONE UMANA

La soia è un legume e, come tale, tra i vegetali è un alimento particolarmente ricco di proteine ad alto valore biologico. Quindi potendo essere considerata un valido sostituto della carne. Questa è una caratteristica peculiare di tutti i legumi. Infatti essi hanno la capacità di captare l’azoto atmosferico ed utilizzarlo per “fabbricare” proteine ad alto valore biologico. Poi questa capacità è dovuta alla simbiosi ancestrale che esiste da milioni di anni tra le leguminose e particolari famiglie di batteri detti “azotofissatori”. Cioè che hanno la capacità di captare l’azoto atmosferico presente nell’aria in una percentuale del 78%. Poi lo rendono disponibile alla pianta per diventare azoto organico quindi utilizzabile per fabbricare proteine.

La soia è capace di fare tutto questo in maniera molto efficace. Infatti è in grado di produrre composti proteici autonomamente infatti il contenuto proteico dei suoi semi può superare il 36%. In più ha un contenuto proteico superiore a quello della carne. Inoltre si avvicina ad essa per quanto riguarda il valore biologico (qualità degli amminoacidi). Cioè amminoacidi utilizzabili da ciascun animale per scopi ormonali, biochimici o plastici.

MEGLIO SOIA BIO E NO OGM

 Sarebbe comunque consigliabile assumere soia bio e no ogm perchè molto più salutare. Infatti le varietà OGM sono create in laboratorio per poter convivere con massicce dosi di diserbanti. Oltre a resistere a parassiti grazie al contenuto di particolari sostanze.
 La sua assunzione regolare (2 o 3 volte a settimana) permetterebbe di assumere le stesse proteine della carne. Quindi eliminando ( se si è vegetariani) o riducendo l’assunzione di questo alimento che spesso è presente in quantità eccessiva sulle nostre tavole. Inoltre, considerazioni etiche a parte per quanto concerne il benessere animale, comporta l’aumento di colesterolo, trigliceridi e acidi urici nel sangue. Oltre ad una perdita di peso che potrebbe arrivare anche a 500gr. al giorno.

SOIA PROTETTIVA PER LA SALUTE

E’ dimostrato che mangiare spesso fonti proteiche di origine animale può comportare  seri problemi circolatori, malfunzionamento di cuore e fegato. I grassi della soia, invece sono protettivi infatti il colesterolo HDL che è presente in questo legume ha la funzione di ripulire i vasi sanguigni.    In più, i benefici della soia sono dimostrati dalla bassa incidenza di rischi cardiovascolari nelle popolazionI che fanno in largo e regolare uso della soia. Cioècome i popoli orientali che la usano spesso in cucina.
L’unico aspetto negativo della soia potrebbe essere rappresentato dall’uso di diserbanti e concimi durante la sua coltivazione. Tali problemi sarebbero completamente eliminati dall’uso della soia bio e no-ogm made in Italy.




             dott. Massimiliano Mangafà

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: